Ospedale Evangelico Villa Betania

Giovedì 21 Marzo 2019

Mioma - Fibroma uterino

Il mioma o fibroma uterino è il più frequente tumore benigno dell'utero. Le espressioni “mioma”, “fibromioma”,” leiomioma”,” leiomiofibroma” sono frequentemente utilizzate come sinonimi del termine fibroma.


La presenza del fibroma uterino causa disturbi che compromettono la salute e la qualità di vita della donna. Nella quasi totalità dei casi presenta una natura benigna, tuttavia è prevista anche una variante di degenerazione maligna (sarcoma uterino) sia pure estremamente rara (circa 1 caso su 1000).


I disturbi più frequenti sono:

  • mestruazioni abbondanti o ravvicinate
  • metrorragia (emorragia uterina)
  • perdite ematiche intermestruali
  • anemia
  • distensione addominale
  • dolori pelvici e addominali
  • aborti ripetuti
  • sterilità.

 

 

 Un fibroma può causare difficoltà di concepimento (infertilità),soprattutto se è localizzato vicino all’inserzione delle tube.

 

Inoltre, il fibroma se è di tipo “sottomucoso”, ossia con sviluppo verso la cavità uterina, può indurre aborti precoci o malposizioni del feto in utero (presentazione fetale anomala) o, ancora, difficoltà di accrescimento del bambino.

 

 

Specie quando i fibromi sono multipli, o posti sotto l’inserzione della placenta, possono causare parti prematuri e anche emorragie dopo il parto. Infine, se il fibroma si accresce verso il collo dell’utero (ossia se è “previo”), può essere indicato, durante la gravidanza,  il taglio cesareo di elezione.


Il mioma può essere unico ma molto spesso le formazioni possono essere multiple.

 

 

 

 

 


Le dimensioni dei fibromi possono essere molto variabili, da pochi millimetri ad oltre 10-15 cm di diametro.


Su precise indicazioni dello specialista è indicata l’asportazione chirurgica dei fibromi (miomectomia).

 

 

 

Presso l’Unità Operativa Semplice di Laparoscopia Ginecologica effettuiamo il trattamento chirurgico laparoscopico dei miomi uterini che prevede l’asportazione del mioma/i (miomectomia laparoscopica) con conservazione dell’utero.